item1 

M. ROSA
1794 - ?simbolo

  • Nasce nel popolo di San Lorenzo a Diacceto il 18 marzo 1794
  • Figlia di Luigi (1758 - 1802) e di Maria Bonifazia Lavacchi
  • Si sposa con Luigi Mattoni del popolo di Santa Maria alla Torre, comune di Castel San Niccolò (AR), il 5 marzo 1813 a S. Stefano a Castiglioni
  • Sorella di:
    1. Francesco (1789 - 1868)
    2. Caterina (1793 - ?)
    3. Annunziata (1798 - ?)
    4. Antonio (1800 - 1870)

Matrimonio - 5 marzo 1813

matrimoni1808181400518995900876

Archivio di Stato di Firenze - Pelago

Matrimonio

MatrimonioRosa1813

Archivio di Stato di Firenze - Montelupo

Matrimonio - 5 marzo 1813

rosa1813matrimonio

 

L'anno milleottocentotredici il dì 5 del mese di marzo avanti a noi Giovanni Marchionni Maire della comune di Pelago, cantone di Pontassieve, circondario di Firenze, Dipartimento dell'Arno sono comparsi Luigi Antonio Fortunato Mattoni in età di anni diciannove, mesi dieci, e giorni diciotto come dalla fede di mascita del venticinque novembre milleottocentododici, possidente nato, e domiciliato nel popolo di Santa Maria alla Torre, nella Comune di castel San Niccolò del Circondario di Arezzo, Costituito in età minore figlio del fù Pier Santi del ...

Archivio di Stato di Firenze - Pelago

Matrimonio

matrimonioRosa18132

... già Andrea Mattoni, morto il dì ventidue del mese di ottobre dell'anno milleottocentoundici, come dal certificato di morte del diciassette febbraio milleottocentotredici, e di Maria Costanza di Valente Fabbrini, coniugi, e dalla medesima assistito come dall'atto in breve rogato dal notaro Innocenzo Pasquale Gatteschi il dì venticinque del mese di febbraio milleottocentotredici, e debitamente registrato a Poppi. E la ragazza Maria Rosa Torrini in età di anni diciotto, mesi undici, giorni diciassette come dalla fede di nascita del diciotto febbraio milleottocentotredici, possidente, nata nel popolo di San Lorenzo a Diacceto, domiciliata nel popolo di Santo Stefano a Castiglioni di questa Comune, costituita in età minore figlia del fù Luigi del già Francesco Torrini, morto il dì sedici del mese di agosto dell'anno milleottocentodue, come dalla fede di morte del diciotto febbraio milleottocentotredici, e di Maria Bonifazia del fù Giuseppe Lavacchi coniugi, qui presente, e dalla medesima assistita. I quali ci hanno fatto istanza di procedere alla celebrazione del matrimonio progettato tra di loro, le cui denunzie sono state fatte sulla porta principale del nostro Palazzo, cioè la prima il dì ventuno, e il secondo il dì ventotto del mese di febbraio milleottocentotredici ambe due alle ore alle ore dieci di mattina in giorno di domenica, come pure le dette proclame sono state fatte sulla Porta Principale della Casa Comunale di Castello San Niccolò, nei precedenti giorni, e alle ore undici di mattina, come dal certificato rilasciato dalla Meria di Castel San Niccolò lì tre marzo corrente milleottocentotredici. Non essendo stata notificata veruna opposizione ammettendo la loro istanza, dopo aver loro letto tutti i documenti sunnominati, ed il capitolo sesto del Codice Napoleone del titolo del matrimonio abbiamo domandato al futuro sposo, e alla futura sposa se vogliono prendersi per marito, e per moglie, avendo ciascheduno di essi risposto separatamente , ed affermativamente, dichiariamo in nome della Legge, che Luigi Antonio Fortunato Mattoni, e la ragazza Maria Rosa Torrini sono uniti in matrimonio. Di tutto ciò abbiamo steso atto alla presenza del Signor Don Pietro del fù Paolo Marchionni in età di anni cinquantasei Sacerdote, di Vincenzio del fù Liborio Gherardi in età di anni quarantadue di professione Agente, di Giuseppe del fù Simone Ruggini in età di anni ventinove di professione negoziante, e di Angiolo del fù Giuseppe Castri in età di anni ventisei di professione farmagista, tutti quattro domiciliati nel Castello di Pelago i quali hanno con noi firmato il presente atto, dopo che è stato loro letto unitamente ai contraenti.

 

Luigi Antonio Fortunato Mattoni sposo

Rosa Torrini sposa

D. Pietro Marchionni testimoni.

Giuseppe Ruggini Testimone

Angiolo Castri Testimone

Vincenzo Gherardi testimonio

G. Marchionni

Archivio di Stato di Firenze - Pelago

i tre cipressi

itrecipressi01white