NOTIZIE

Anno Fiorentino

Il calendario gregoriano entrato in vigore nel 1582 fissava l'inizio dell'anno al 1º gennaio, o "a Nativitate", mentre a Firenze si continuò ad usare quello cosiddetto "fiorentino" o "ab Incarnatione", che determinava l'inizio dell'anno il 25 marzo, il giorno dell'annunciazione dell'angelo a Maria.

Secondo questo sistema, che venne usato negli atti ufficiali del Granducato di Toscana fino al 1750 quando la Reggenza lorenese decise di passare all'uso comune, l'anno coincideva con lo stile normale dal 26 marzo al 31 dicembre, mentre rimaneva indietro di un anno dal 1° gennaio al 25 marzo.

Le date delle schede di questa ricerca sono tutte ricondotte, ove necessario, al calendario gregoriano.

Plebati e Chiese di Fiesole

Mappa dei plebati.

Mappa delle chiese di Pelago.

Mappa delle chiese di Rufina.

Tra Pelago e Castiglioni.

San Martino alla Rufina nel 1819

Valore della moneta

Nel Granducato di Toscana le scritture contabili si tenevano in Scudi soldi denari (o anche Lire toscane soldi denari), dove lo "scudo" era una unità di conto piuttosto che una moneta coniata e circolante. In realtà lo Scudo da lire sette fu coniato nel 1568 e successivamente tra il 1574 e il 1587; questo scudo d'oro pesava tra i gr. 3,30 e 3,40, e presumibilmente (fino alla metà del secolo XIX non si conosceva svalutazione o inflazione) a questo si faceva riferimento.

Uno scudo era pari a 7 lire, ogni lira era divisa in 20 soldi pari a 240 denari.

Leggi di più

STATO CIVILE DI TOSCANA

Le origini dello Stato civile di Toscana: il periodo francese La nascita dello stato civile fu uno dei grandi cambiamenti che segnarono il passaggio dall'antico regime all'età contemporanea: con tale istituto, infatti, le istituzioni civili occuparono un terreno che era tradizionalmente stato della Chiesa. Questa infatti, sin dalla fine del XVI secolo, con il concilio di Trento, aveva affidato ai parroci il compito di tenere e conservare appositi registri, noti come "libri canonici" per registrare in modo sistematico nascite e battesimi, matrimoni e decessi.

Leggi di più

STRADA

"Una villa detta Strada sopra un prato, con ingresso dal lato di ponente situata nel popolo di S.Stefano in Castiglioni, comunità e vicariato del Pontassieve, con tre stanze nei sotterranei in volta reale una delle quali serve per uso di cantina, compreso il granaio. Unito a detta villa vi è un orto recinto da mura nel quale esiste la piccola interdetta Cappella, ed inoltre a detto annesso in una fabbrichetta separata vi è la stalla a terreno e due stanze (una stanza sopra l'altra) ad uso di colombaia."

Leggi di più